Welcome! - Bem-vindo! - Bienvenido! -

Video Recenti:

La deificazione dell’uomo contro l’umanizzazione di Dio

1° Corinzi 15:26 E l’ultimo nemico che sarà distrutto è la morte. 22 …in Cristo tutti saranno vivificati.

Vediamo il significato del verbo Deificare:

Questa parola viene dal latino “deificare” che significa: “convertirsi in un dio”.

Qualunque religione, non importa come si chiami, è anzitutto un’invenzione umana: sono state create come un meccanismo per mezzo del quale l’uomo si crede capace di interpretare e decifrare Dio. Ecco perché oggi esistono quantità innumerevoli di esse, non essendo altra cosa che il risultato delle diverse maniere nelle quali l’umanità ha espresso il suo punto di vista rispetto a come concepisce la Divinità. È per questo che vogliamo ricordare la massima biblica esposta in:

Isaia 55:8-9

8 «I miei pensieri non assomigliano in niente ai vostri pensieri —dice il Signore—. Ed i miei cammini sono molto al di sopra di quello che possiate immaginare. 9 Poiché così come i cieli sono più alti della terra, così i miei cammini sono più alti dei vostri cammini ed i miei pensieri più alti dei vostri pensieri.

Allo stesso modo, diamo uno sguardo ad un saggio concetto di Paolo sulla religione:

Colossesi 2:20-23

20 Voi siete morti con Cristo e già non siete soggetti ai poteri che dominano questo mondo. Perché dunque vivete come se ancora foste del mondo, sottomesso a regoli tali 21 come: «Non toccare questo, non mangiare quello, non lo prendere nelle tue mani»? 22 Tutte queste regole hanno a che vedere con cose se terminano con l’uso e sono solo ordini ed insegnamenti di uomini. 23 È vero che tali cose possono sembrare sagge, perché esigono una certa religiosità ed umiltà ed un duro trattamento del corpo, ma sono cose che non onorano nessuno, poiché servono solo per soddisfare i desideri puramente umani.

Per questa ragione, con questo articolo, vogliamo avvertire il mondo del fallito tentativo della religione di interpretare Dio: senza dubbio, tutte esse sono disapprovate da Dio.

Oggi Cristo si è manifestato, è una donna, il suo nome è Lisbet, la Sposa del Sempiterno Dio Melquisedec. Lei è Dio, è lo Spirito di Dio, la Parola fatta carne.

L’uomo deve intendere che la forma saggia ed adeguata per comprendere Dio deve essere data da Dio stesso.

Dio immancabilmente deve farsi umano e come essere umano insegnarci Dio.

Cristo ha dovuto umanizzarsi per essere il modello perfetto di una persona che ha conosciuto Dio ed esegue la Sua santa volontà fedelmente.

Matteo 20:28

28 Perchè, nello stesso modo, il Figlio dell’uomo (Cristo Lisbet, la Sposa di Dio) non è venuto per farsi servire, ma per servire e per dare la sua vita in riscatto per una moltitudine.

Il concetto: “Figlio dell’Uomo” umanizza Dio, perché Cristo è Dio, al sottomettersi a tutto il processo che umanizza un individuo, come è l’essere concepita e partorita. È l’esempio del più grande sacrificio che Dio fa per l’umanità poiché è la Divinità stessa ridotta alla condizione di un mortale, a una mente carnale, terrena e corruttibile, ma in questa condizione Lei ha vinto ciò che uccide gli esseri umani: i desideri ingannatori della mente carnale. Questo è il gran sacrificio di Cristo. Da lì è stata rialzata (risuscitata) da Melquisedec, oggi è immortale ed è presente per insegnare al mondo come raggiungere questa condizione che è inerente solo a Dio e che si ottiene attraverso il Suo esempio:

Filippesi 2:5-7

5 Abbiate gli uni con gli altri la maniera di pensare propria di chi è unito a Cristo Gesù, 6 il quale, anche se esisteva con lo stesso essere di Dio (il mistero di Dio Padre e di Cristo, che sono Sposo e Sposa in un’unità perfetta), non si è afferrata alla sua uguaglianza con Lui,

7 ma ha rinunciato a ciò che era suo ed ha preso natura di servo, facendosi come tutti gli uomini e presentandosi come un umano qualunque.

Teniamo presente questo pensiero:

“Dio offre la Sua mente all’uomo perché questi arrivi ad essere uguale a Lui”.