Welcome! - Bem-vindo! - Bienvenido! -

Video Recenti:

La famiglia, l’obiettivo centrale dell’Ordine di MelquisedecLisbet

.

.

1° Corinzi 11:3 Ma voglio che sappiate che Cristo è il capo di ogni uomo e l’uomo è il capo della donna, e Dio il capo di Cristo.

 

La famiglia è la cellula vitale della società. Il gran caos sociale che il mondo ha sperimentato in tutta la sua storia, e continua a sperimentare, è radicato nel deterioramento sofferto nella sua unità più basilare, la famiglia.

Quando diamo un’occhiata alla storia e ci domandiamo perché le grandi ed antiche civiltà sono scomparse, la risposta è molto semplice: il concetto di famiglia era discorde con l’ordine perfetto.

Abbiamo udito dire che Dio è il creatore della famiglia, ebbene, indaghiamo nella Sua Parola cosa ci lascia vedere il sovrano Dio MelquisedecLisbet.

Genesi 1:26-27

26 Allora Dio disse: Facciamo l’uomo a nostra immagine, conforme alla nostra somiglianza; e domini sul pesci del mare, sugli uccelli dei cieli, sulle bestie in tutta la terra, e su ogni animale che striscia sulla terra.

27 E Dio creò l’uomo a sua immagine, ad immagine di Dio lo ha creato: maschio e femmina li ha creati.

Nel verso 27 troviamo due parole degne di ogni considerazione:

Immagine: riproduzione della figura di una cosa o persona captata dall’occhio, da uno specchio o da un apparecchio ottico, fotografico, cinematografico o di altro tipo, grazie alla luce.

Somiglianza: insieme di caratteristiche che fa che due o più cose o persone siano simili.

Quando leggiamo nella descrizione di ‘immagine’: “persona captata da uno specchio”, possiamo dire che l’immagine riflessa nello specchio è esattamente uguale a quella che propone il riflesso, ossia è uguale alla persona che si mette di fronte allo specchio. Allo stesso modo, quando leggiamo cosa significa “somiglianza”, implica similitudine alla matrice originale che, in questo caso, è Dio MelquisedecLisbet.

Adesso, senza perdere di vista l’idea precedente, leggiamo nel verso 26:

“Facciamo l’uomo”. Qui possiamo apprezzare che questa è una decisione di comune accordo o condivisa in maniera equilibrata, non vediamo Dio Padre condividere con Dio Madre una decisione individuale.  Non dimentichiamo l’espressione con la quale inizia il verso 26 è: “Allora disse Dio”, perché Dio è Due (MelquisedecLisbet).

È in questi dettagli dove l’umanità ha sbagliato, collocando la donna in secondo piano o in un piano inferiore all’uomo, facendo di essa un “invitato di pietra” negli argomenti e decisioni della coppia.

Oggi il Cristo di Dio si è manifestato, è una donna, la Sposa di Dio Melquisedec, ed il Suo nome è Lisbet.

Il mondo sarà risanato e salvato dalla famiglia retta sotto l’Ordine di MelquisedecLisbet, nel quale la donna gioca un ruolo preponderante ed equilibrato, nel quale il maschilismo in tutte le sue espressioni scompare per far sì che la famiglia trovi questo equilibrio perfetto e la società si risani grazie all’Ordine di MelquisedecCristoLisbet, dove l’uomo e la donna sono  UNO.

Proverbi 18:22

Colui che trova una sposa, trova il bene ed ottiene tutta la benevolenza di Dio.